Prof. MARCO MONTI

Medico Chirurgo SPECIALISTA in Ginecologia, Ostetricia e Patologia Clinica

gravidanza extrauterina
Ostetricia

Gravidanza extrauterina

CHE COS’È LA GRAVIDANZA EXTRAUTERINA E QUALI SONO I SINTOMI

Si indica con tale termine l’impianto dell’embrione fecondato al di fuori dell’utero.

Di solito si annida in una delle due tube di Falloppio, ma può svilupparsi anche nel collo dell’utero, nelle ovaie o nella cavità addominale. Questo tipo di gravidanza, rara, detta anche ectopica, pone la donna in una posizione molto rischiosa per la sua salute esponendola a gravi rischi di emorragie fino allo shock da anemia grave.

I sintomi più frequenti di una gravidanza extrauterina sono: dolore addominale e pelvico, perdite di sangue con un test di gravidanza positivo.

Esiste un tipo di gravidanza extrauterina chiamata “Scar Pregnancy”, (gravidanza su cicatrice) che insorge sulla cicatrice di precedenti interventi sull’utero quali asportazioni di fibromi o tagli cesarei.

Questa particolare condizione richiede una gestione da parte di un ginecologo particolarmente esperto in endoscopia che potrà risolvere la patologia impiegando la tecnica isteroscopica per rimuovere in sicurezza il tessuto della gravidanza evitando pericolose emorragie che si possono verificare durante il normale raschiamento dell’utero.

 

DIAGNOSI E TRATTAMENTI

Per diagnosticare una gravidanza extrauterina si eseguono i prelievi del sangue per verificare la presenza di beta HCG (test di gravidanza quantitativo) e le ecografie transvaginali rispettando il riferimento dell’ultima mestruazione.

Le beta HCG, infatti, dovrebbero raddoppiare ogni 48 ore: se ciò non accade, nonostante la positività al test, e se con l’ecografia non si vede la camera gestazionale nell’utero, si deve sospettare una gravidanza extrauterina.

Per non essere pericolosa deve essere diagnosticata tempestivamente in tal caso è possibile intervenire sia chirurgicamente che con la terapia medica in base a diversi criteri clinici alla luce dei colloqui con la paziente sulle possibili soluzioni.

Diversamente, se la tuba dovesse sanguinare all’interno dell’addome per una lacerazione causata dalla crescita dell’embrione, diventa indispensabile una laparoscopia di urgenza per arrestare l’emorragia e rimuovere la gravidanza.

Non sempre è possibile identificare le cause che portano a una gravidanza extrauterina anche se, statisticamente, è più facile che si verifichi in donne che hanno sofferto di infezioni pelviche pregresse (PID) oppure di patologie come l’endometriosi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Parliamo anche di

Un elenco completo di tutte le condizioni considerate fattori di rischio durante la gravidanza
Papilloma Virus: ecco quali rischi si corrono durante la gravidanza